advertisement

Seadas

Le seadas sono dei gustosi biscotti friabili nati in Sardegna e conosciuti in tutta Italia. Scopri come prepararle seguendo le tradizione.

Difficoltà:
Bassa
Cottura:
Preparaz.:
Costo:
Basso
Seadas

Le seadas (chiamate anche sebadas) sono dolci sardi conosciuti in tutti Italia; si tratta di friabili biscotti ripieni fatti con un impasto di pasta violata (pasta tipica sarda) e con una farcitura di percorino sardo e agrumi.

L’abbinamento aspro del limone amalgamato al pecorino salato fanno di questo dolce sardo una vera specialità gastronomica. Nella ricetta che vi presento ho fritti le seadas come vuole la tradizione ma in alternativa si possono anche preparare al forno.

Materiali utilizzati

  • Terrina;
  • Ciotola;
  • Coppapasta;
  • Padella antiaderente.
Porzioni: 4

Ingredienti

Per l’impasto delle seadas occorre

❯ 250 gr. di farina di mais o semola di grano

❯ 2 uova intere

❯ 2 cucchiai di strutto

❯ 1 cucchiaino d’acqua

❯ 1 pizzico di sale

Per il ripieno delle seadas occorre

❯ 350 gr. di pecorino fresco

❯ 1 arancia da cui ricavare la buccia

❯ Il succo di ½ limone

Per cucinare le seadas occorre

❯ olio di semi

Per decorare le seadas occorre

❯ zucchero a velo q.b.

❯ miele q.b.

Procedimento

Come fare le seadas

In un bicchiere di acqua sciogliete un pizzico di sale;

ricetta seadas
1

In una terrina versate la farina con le uova e iniziate a impastare con le mani;

piatti tipici della sardegna
2

Continuate versando l’acqua con il sale e successivamente lo strutto fresco;

seadas ricetta originale
3

Amalgamate l’impasto delle sebadas fino ad ottenere un composto omogeneo ed elastico;

Coprite la ciotola con un panno da cucina o una pellicola trasparente e lasciatela riposare in frigo per 20 minuti;

seadas
4

Nell’attesa procedete per preparare il ripieno delle seadas: grattugiate il pecorino in una ciotolina, aggiungete anche il succo di mezzo limone e la buccia grattugiata di un’arancia;

Amalgamate fino ad ottenere una salsa molto densa;

seadas ricetta
5

dolci sardi tipici
6

Quando l’impasto per le seadas sarde sarà pronto stendetelo su un piano pulito e con un bicchiere o un coppa pasta ricavate dei cerchi del diametro di 10 cm circa;

seadas
7

Su ogni disco mettete un paio di cucchiaini d’impasto poi richiudete con un altro dischetto;

Premete il bordo con una forchetta in modo da ottenere una specie di calzone dolce;

seadas ricetta originale sarda
8

seadas sarda
9

A questo punto potete friggere le vostri golosissime seadas: prendete una padella antiaderente e lasciatela riscaldare con abbondante olio; appena l’olio inizia a friggere calate le seadas e cuocetele fino a renderle dorate e croccanti. Ricordatevi di non bucarle altrimenti l’olio penetrerà all’interno del ripieni;

Appena cotte ponetele in un piatto con carta assorbente per eliminare l’olio in eccesso;

seadas al miele
10

12. Prima di servire le seadas in tavola adagiatele in un piatto da portata e cospargetele di zucchero a velo e/o un filo di miele colato.

seadas
11

I consigli in più

  • Assicuratevi che l’olio per friggere sia alla temperatura giusta, circa 175-180°C. Un olio non sufficientemente caldo potrebbe rendere le vostre seadas troppo unte, mentre una temperatura troppo elevata rischierebbe di bruciarle esternamente, lasciando l’interno crudo.
  • Dovete stendere la pasta sottile, ma non troppo, per garantire una perfetta sigillatura dei bordi e mantenere il ripieno morbido e filante dopo la cottura. Uno spessore ideale è di circa 2-3 mm.
  • Le Seadas raggiungono il massimo del loro sapore quando servite calde, appena fatte. Il contrasto tra il calore del dolce e la freschezza del miele versato al momento è parte dell’esperienza culinaria che rende questo piatto così speciale.

Idee e varianti

  • Sebbene la ricetta tradizionale preveda l’uso di formaggio pecorino fresco, esplorate l’utilizzo di differenti tipi di formaggio per scoprire nuove varianti del piatto. Formaggi leggermente più stagionati o una miscela di formaggi possono offrire un sapore unico.
  • Oltre al miele, considerate l’aggiunta di scorza di limone o arancia grattugiata sulla superficie delle vostre Seadas per un aroma aggiuntivo, o una spolverata di noci tritate per un tocco croccante.

Stagione ideale

Questo dolce tipico sardo si cucina in autunno/inverno quando limoni e arance sono di stagione. Le seadas sono un cibo di strada reperibile tutto l’anno nelle pasticcerie della Sardegna.

Conservazione

Le seadas si possono conservare in frigo in contenitori ermetici per 2-3 giorni.

I consigli in più

  • Per evitare che durante la cottura i due dischi si aprano potete utilizzare dell’albume d’uovo sbattuto come collante prima di chiuderli;
  • L’originale ricetta sarda prevede l’uso di un formaggio grasso e morbido. Per renderlo più cremoso potete tenerlo un po’ a temperatura ambiente prima di utilizzarlo oppure potete metterlo in ammollo in acqua tiepida per 10 minuti;
  • Invece di girare le seadas nell’olio e rischiare di romperle versate in continuazione l’olio sulla superfice asciutta cosi da cuocerle senza capovorgerle.

Idee e varianti

  • Per la ricetta delle seadas si usa un formaggio rigorosamente fresco: solitamente si usa il pecorino, ma spesso si usa anche della provola o del dolcesardo. L’importante è che ne scegliate uno delicato e non forte.
  • Come preparare le seadas al forno: mettere le  sebadas in una teglia antiaderente, cuocere in forno preriscaldato a 180° fino a quando prendono un bel colorito.

Qualche notizia in più sulle seadas

La seadas è  un dolce inventato dalle donne sarde e veniva preparato per accogliere i pastori che ritornavano dopo lunghi periodi d’assenza.

Dai un voto a questa ricetta
[Totale: 6 Media Voto: 5]

Commenta »

WordPress Lightbox Plugin