Calamari fritti con patate

Calamari fritti con patate tagliate a tocchetti e dorate in padella, qualche spicchio di limone e un pò di maionese per servire in tavola un piatto semplice ma di gran effetto.

Difficoltà:
Molto bassa
Cottura:
Preparaz.:
Costo:
Basso
Calamari fritti con patate

Se vi prende quella voglia di frittura questo è il piatto giusto per voi: i calamari fritti, detti anche frittura di calamari. Noi li abbiamo abbinati con delle patate tagliate a tocchetti, prima un po’ sbollentate e poi messe in padella anch’esse. Preparate insieme a noi questi golosi tondini fritti di calamari, vedrete che bontà!

Materiale

  • padella antiaderente

Ingredienti per 6 persone

❯ 600 gr di calamari puliti e tagliati ad anelli

❯ 250 gr di maionese

❯ 6 patate medie

❯ 3 uova

❯ 1 limone

❯ pangrattato q.b.

❯ olio di oliva

❯ sale q.b.

Procedimento

Come preparare calamari fritti con patate

1. Sbucciate le patate e tagliatele a spicchi, trasferitele in una casseruola con acqua fredda e cuocetele per 10-12 minuti dal momento che inizia a bollire;

2. Successivamente scolatele e conditele con 6 cucchiai di olio;

3. Prendete una padella antiaderente, versate tutte le patate tagliate e condite e cuocetele ulteriormente fino a che non diventano dorate;

 

Patate in cottura

Patate in cottura

4. Nel frattempo, rompete le uova in una ciotola,sbattetele, immergete i calamari, sgocciolati pochi alla volta e passateli nel pangrattato;

5. Friggete per un minuto in abbondante olio bollente, scolateli e fateli asciugare velocemente su carta assorbente da cucina;

6. A questo punto serviteli caldi con contorno di patate precedentemente realizzate;

7. Per rendere il piatto più invitante abbellitelo con qualche spicchio di limone e qualche cucchiaio di maionese.

Calamari fritti con patate

Calamari fritti con patate

Il consiglio in più

  •  Per un pranzo completo a base di pesce vi consiglio di preparare la ricetta dei calamari in umido con i quali preparare un buon primo piatto;
  • Per pulire facilmente il calamaro vi consigliamo di afferrare con una mano la testa del calamaro e tirare il corpo finché non si distaccano le interiora e la struttura trasparente. Togliete la pelle e pulite il calamaro sotto l’acqua corrente per eliminare i residui dalla sacca facendo attenzione a non romperla. Dalla testa del calamaro, con l’aiuto di un coltello o forbici,togliete la bocca che si trova al centro dei tentacoli e gli occhi. Sciacquate di nuovo sotto l’acqua fredda e tagliate a tondini.
Dai un voto a questa ricetta
[Totale: 0 Media Voto: 0]
LASCIA UN COMMENTO »